Compiti

Aiuto Beatrice con i suoi compiti.

Questa settimana abbiamo a che fare con il completamento di un esercizio per l’Ora di Codice e con la creazione di grafici sul computer.

Arriva con il suo portatile e la vedo scioltissima nel collegarsi al sito sul quale deve eseguire l’esercizio sull’Ora di Codice. E’ venuta da me chiedendomi aiuto ma vedo che procede spedita in autonomia nella soluzione dei problemi che le vengono sottoposti. Evidentemente il lavoro che ha fatto durante i vari eventi Coderdojo cui ha partecipato in passato ha dato i suoi frutti. Completa il tutto in una decina di minuti. Non ha mai avuto bisogno di aiuto e le riconosco delle discrete doti di astrazione nella soluzione dei problemi. Qualche osservazione ben fatta mi fa sorridere.

Ai miei tempi queste cose non c’erano e chi appartiene alla mia generazione ha seguito tutt’altre strade per arrivare, con grandissimo ritardo rispetto ai coetanei di Beatrice, alla stessa consapevolezza. Io ho consumato tre o quattro copie del Kernighan e Ritchie qualche anno dopo la sua età e con difficoltà molto maggiori. Questo senza contare il fatto che avere a portata di mano un compilatore nel 1980 non era proprio una cosa facilissima.

Stessa scioltezza con la creazione dei grafici. Il libro di testo è evidentemente orientato a realizzare il compito usando Excel ma Beatrice usa un Mac. Si è quindi mossa per capire come gli stessi concetti potessero essere trasposti su Numbers. Rimango stupito anche in questo caso. Sciolta e veloce. Oltretutto con un discreto senso estetico e una chiara consapevolezza del valore degli spazi negativi.

Non mi ha mai chiesto aiuto ma mi ha solo voluto vicino in caso di necessità. Tutto sommato dovrebbe questa la funzione di un padre.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *