La Briciola

Io ho fatto il servizio militare tra il 1989 ed il 1990 a Diano Marina. Nonostante provenga da una famiglia ad alta densità di militari, e molti di questi alti ufficiali, non ho chiesto alcun tipo di trattamento di favore. Il Giugno del 1989 sono arrivato come fante e come tale me ne sono andato trascorso un anno.

Diversamente da altre persone quell’anno è stato uno degli anni più belli e spensierati della mia vita. Niente università, nulla a cui pensare e, tutto sommato, il tempo speso in una bello località di mare.

Ho fatto il furiere in 1a Compagnia per tutto l’anno e ho speso tanto tempo a scrivere codice per automatizzare alcuni processi della caserma. Assegnazione dei turni di servizio, incorporamento ed altre casette. Sì, alcune mie fisse sulla automatizzazione dei processi nacquero proprio allora.

Se fosse possibile non esiterei un secondo a tornare indietro per ripetere quella esperienza. Amicizie vere, alcune delle quali continuano con la stessa intensità a distanza di più di trenta anni.

Il furiere passa gran parte del suo tempo in un ufficio e quando sei di turno ci passi anche il pranzo e la cena.

Purtroppo non ho mai ritenuto la mensa della caserma grandemente stimolante ed è questo il motivo per cui ho scoperto “La Briciola”.

La Briciola era una paninoteca nel centro di Diano dove potevi trovare dei panini incredibile a prezzi convenientissimo per noi militari che venivamo retribuiti con 3.500 Lire al giorno. La Briciola era un ancora di salvezza ed un porto sicuro dove riparare quando avevi fame e non volevi andare in mensa.

Non riesco nemmeno a ricordare quanti panini mi sono fatto portare quando ero di turno in fureria. Mi ricordo solo che li aspettavo con ansia perché erano di una bontà assoluta. In particolare me ne ricordo uno per il quale andavo matto: maionese, e del formaggio all’interno di alcune fette di prosciutto cotto. Quando arrivava ancora caldo nelle mie mani era una goduria. Purtroppo non ne ricordo il nome ma il solo pensiero rievoca profumi e sapori.

Oggi La Briciola ha una pagina su Facebook, questa. Con grande tristezza leggo che con le restrizioni che verranno imposte alla riapertura corrono il serio rischio di chiudere. Leggo l’accorato appello del proprietario e mi viene il magone. Chiaro è che come Lello, tanti altri commercianti si trovano nelle medesime condizioni. Ancora più triste scoprire che qualcuno che conosci e che è stato parte della tua vita per un anno intero corre il rischio di scomparire.

La Briciola era una istituzione per i militari di Diano Marina. Mi auguro davvero che riescano a farcela e mi riprometto di andarci non appena sarà possibile.

Se poi fate ancora quel panino fantastico sarà come ringiovanire di trent’anni.

Un enorme in bocca al lupo.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments