La circolazione delle idee

Sono sincero quando dico che il Movimento 5 Stelle non gode particolarmente dei miei favori. Le motivazioni esulano dal contenuto di questo scritto e quindi vado diritto al punto che mi interessa.

Virgina Raggi, neo sindaca di Roma, ha utilizzato fonti esterne nella stesura del suo programma per il governo della Capitale. Qui la “notizia”: Corriere della Sera

In particolare viene accusata di avere copiato da:

  • atti della conferenza programmatica della Federazione dei Verdi.
  • atti e pubblicazioni della Agenda Digitale.
  • atti e pubblicazioni degli Stati Generali dell’Innovazione.

Quindi? Dove sarebbe il problema?

Cito testualmente dall’area “Il progetto editoriale” del sito della Agenda Digitale:

Lo scopo è creare un luogo per accompagnare i passi dell’Italia verso la necessaria rivoluzione digitale. Agendadigitale.eu non seguirà quest’evoluzione nel day by day, perché lo scopo non è l’aggiornamento puntuale sui fatti bensì la ricostruzione di un senso complessivo. Può servire a capire quello che sta cambiando davvero, nella struttura del nostro Paese che cerca di abbracciare il digitale. L’ambizione, anche attraverso i nostri Protagonisti che credono nel progetto, è provare a incidere sull’agenda politica. Per migliorare la normativa e individuare gli intoppi nella sua realizzazione.

Le idee sono fatte per circolare e per essere adottate. Lo scopo e’ farne perdere la proprietà a favore della comunità.

Il resto sono chiacchere strumentali.

Io stesso quando parlo a conferenze che trattano di innovazione spero che le mie idee vengano adottate da altri che le facciano proprie.

Se proprio vogliamo essere puntigliosi diciamo che la mancanza della neo sindaca è non avere citato le fonti e dato il credito che le idee meritavano. Certo, cosa non da poco.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *