L’algoritmo

In questi giorni monta la protesta degli insegnanti contro i trasferimenti della scuola dovuta alla normalizzazione dei loro contratti di lavoro.

Mentre sono in macchina e guido verso lo studio sento su Radio24 che:

“Il processo di scelta delle destinazioni è gestito da un algoritmo che in funzione di una serie di variabili e parametri decide le destinazioni dei docenti. Certo è che con un insieme di 200.000 (sic. duecentomila) posizione da analizzare e incrociare l’algoritmo può avere dei problemi”

Non proprio testuale ma questo era il senso. Oltretutto in un momento della trasmissione l’algoritmo è diventato logaritmo.

Sorrido tristemente.

No, davvero un sistema che deve gestire 200k record attraverso un algoritmo, per quanto complesso, possa avere dei problemi? Nel 2016?

Dai, su. Siamo seri.

Non tutti possono avere una laurea in informatica e comprendere la dimensione farsesca di questa affermazione ma, se sei un giornalista, magari informati se questa può essere una tesi sostenibile.

Non più tardi di un anno fa parlavo con un amico che si trovava a gestire degli ipercubi contenenti informazioni sulla gestione di parti di ricambio di una casa automobilistica non Italiana e ho visto come quel motore fosse in grado di gestire decine di milioni di recordo in tempi sotto il secondo. E questo con tutte le regole di riclassificazione impostate per l’ipercubo.

200000 record oramai li gestisce anche il mio foglio Excel sul mio Mac, e non devo nemmeno andare a prendere un caffè nell’attesa.

Diciamo piuttosto che chi doveva scrivere l’algoritmo e implementarlo su un sistema non è stato in grado di farlo secondo gli standard del 2016.

Classificazione: fregnacce e disinformazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *