“Grazie a Dio sono nato Italiano”

Ricomincio questo nuovo anno lavorativo con un piacevolissimo viaggio in auto alla volta del centro di Milano.

Mi accoglie la classica coda infinita in A4 fino alla uscita di Cormano condita dei classici comportamenti poco virtuosi degli automobilisti. Oramai sono convinto che il Codice della Strada si sia trasformato da un insieme di regole da rispettare strettamente ad un insieme di raccomandazioni: “Io ti dico quale è il comportamento richiesto per ogni situazione e poi tu fai come cazzo ti pare.”

Sono quindi in lenta discesa verso la città. Velocità media quindici chilometri all’ora. La fila si muove e senza alcuna indicazione del cambio di direzione una vettura si fionda nella mia corsia a velocità sostenuta. Se non avessi frenato mi sarebbe certamente venuto addosso.

Ora, io in auto non mi arrabbio mai e negli ultimi venti anni non credo di avere mai usato l’avvisatore acustico di cui, credo, sia dotata la mia vettura. Mi limito a scuotere la testa in segno di sdegno.

Mi incuriosisce un adesivo attaccato al paraurti della macchina colpevole del comportamento poco virtuoso. Questo adesivo recita: “Grazie a Dio sono nato Italiano”.

Sono perplesso. Quale motivo può spingere un essere umano senziente ad attaccare un adesivo come questo alla sua vettura? Mi incuriosisco e guardo l’autista della vettura: un signore attempato sulla sessantina con occhiali leggeri, decentemente vestito. Il classico vicino della porta accanto.

Non riesco comunque a spiegarmi perché abbia quell’adesivo sulla sua macchina. Mi sembra una cazzata di dimensioni inenarrabili e priva di qualsiasi contenuto. Che cosa significa? Pubblicizzi una cosa sulla quale non hai avuto alcuna influenza e comunque reputi utile darne notizia. La trovo una cosa populista e banale. Certamente tendente ad una visione fascista della vita comune. E poi, una volta che io ho compreso che sei Italiano, che cosa dovrebbe comportare nei confronti del potenziale giudizio che io ho di te?

Se dovessi usare il sillogismo che il tuo adesivo suggerisce dovrei dire “Io sono Italiano. Io guido di merda. Tutti gli Italiani guidano di merda.”

E’ ben evidente che io e quell’autista non abbiamo niente da spartire.

Le probabilità che quel signore appartenga alla categoria dei “Coglioni totali” è molto, molto alta.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments