Age of decadence

Photo by Element5 Digital on Unsplash

I rarely write about politics. It is such a personal topic that a fight is always around the corner. I am usually willing to fight and enjoy it, but this is not the case. This is not a post about politics.

Two things happened in the last few days.

The Italian Prime Minister resigned, and we are heading to elections in September.

A couple got married. Two girls and one of them is serving in the Carabinieri corps. As in every military corp, you may get married wearing the uniform, and if you like it, you may have a guard of honor.

Two news that made me crazy yesterdays.

Here’s my point:

  • The Prime Minister resigned because the personal interest of private parties prevailed over the country’s interest.
  • I wonder why, in 2022, the marriage between two girls has to make into the news. Come on, guys, seriously? Do you think we must consider that news? If you want to write about it, you should write about every single marriage in the country.

My grandfather was a Carabiniere; my uncle was in the military, serving as a senior officer for NATO. I know the culture.

How are this two news related to each other?

I went through the comments about the marriage on social media. Those comments are a clear explanation of what caused the resignation of our Prime Minister.

Those who wrote those comments have voted for the political class that forced our Prime Minister to resign, and they will vote for the next political class in September.

The problem here is culture, tolerance, and vision. The problem is not the political class but the people who will vote to elect them.

We entered an age of decadence a long time ago.

I am really sad about the country I am leaving to my sons as a heritage.

Readers are like magic

Photo by Aziz Acharki on Unsplash

A thousand posts have passed through these hands, collecting moments, thoughts and emotions. A thousand posts have crossed the world wide web and entered into the minds of thousands of readers. In these thousand posts I have explored new ideas and rethought old ones, written in anger and in joy, and sought out that elusive process of self-discovery in the midst of the heavy, oppressive weight of accumulating middle-aged years. I have made mistakes and tried again. I have questioned myself and others. I have wondered about our political system and our educational system. About my family, my friends, and my enemies. About love and about hate. About dreams and about nightmares. About what ails the world and what can heal it.. 

I was thinking about people reading what I write. I would love to know what moves them, but I don’t. 

I don’t look very often at statistics, but I am sure that a lot of people’s time has been spent reading my words. 

I just wanted to say thank you for that. 

You, readers, are like magic.

You make me feel like a wizard, even if only for a few minutes.

I hear that there are people who read this blog and then they take a break and listen to music, or audiobooks, or radio and they hear a song and it relates somehow to what they read.

A song that comes from nowhere, the love I feel for you.

When you click on a link and it takes you to a page with words that you can read, that’s more than magic.

The letters on the keys of the laptop seem to move, rearrange themselves. The white blur of the screen disappears. The voices of the world, imaginary or otherwise, disappear from my head.

Curiously, you can see magic. And it’s like what they say. The more you look, the more there is. The magic is infinite.

This blog is mainly a personal exercise, but I will continue to write.

When I write something here and I click on the ‘Publish’ button, I feel like a magician.

It’s not because of the power to fire up correntedebole.com, but because the words I have written have now been transformed into images in someone else’s brain.

And who knows what the magic of that can bring.

Location data

Photo by henry perks on Unsplash

Are you aware of how many applications you granted access to your location data?

I gave a quick look at my iPhone privacy setting for localization. It was a surprise. A bunch of applications always have access to my location data. Some are strictly related to my home automation system, and some are not. Many applications only have access to my location data when in use.

This permission thing is something that builds up over time. You download an application and give it access to your location data because you think it’s a good idea. Months later, you find you granted access to a truckload of applications.

Am I fully aware of how these companies are using this location data? No, I am not. I never went through the Terms and Conditions of each application I use.

Guilty as charged.

Yes, but I have some rights as a user. Well, it seems that it is not the case.

Considering how the Constitution covers user rights in the United States, we know that the Fourth Amendment protects people.

Here’s what it says:

The right of the people to be secure in their persons, houses, papers, and effects, against unreasonable searches and seizures, shall not be violated, and no Warrants shall issue, but upon probable cause, supported by Oath or affirmation, and particularly describing the place to be searched, and the persons or things to be seized.

United States citizens may consider themselves safe.

No, they can’t.

There are companies out there that sell location data to law enforcement agencies without the need for a warrant. They spent a massive amount of money to get this data.

The question is: how do these companies get this data?

We don’t know. We deliberately gave users the right to collect, use, and sell that data. It was our mistake.

Some companies may fraudulently collect this data. We don’t know if this is the case.

My take is that if the Constitution is not able to protect our rights efficiently, there is something horribly wrong in the system.

In some way, we Europeans are a little bit more protected, thanks to GDPR regulations, but I think abuses may still exist.

We are not safe.

Did you notice it’s 2022?

Photo by Jan Antonin Kolar on Unsplash

After more than two years, I had to access our corporate banking portal. Usually, it is managed by our CFO and finance people, but I had to approve a couple of transactions beyond their approval limit.

I logged in, and I found myself back in the 80s. In these two years, nothing has changed. The User Interface is still the old interface meant for a 1024×768 screen resolution.

I connected to the portal using Safari on my Mac. Bad idea; it’s not working. I can log in, but the home page is blank.

I had to switch to Chrome to be able to do what I wanted to do. Well, at least the portal didn’t ask for Internet Explorer.

Come on, guys. Did you notice it’s 2022?

VPNs

Photo by Petter Lagson on Unsplash

Recently, I wrote a lot about privacy, and for that reason, all of the recommendation engines think I need a VPN.

No, I don’t need a VPN, at least not because you are luring me to buy one.

VPN providers tell me that I need to protect my privacy, that I need to browse the Internet anonymously, and that they will protect my identity online. All of that is false.

Let me say it straight: a VPN is just like a proxy.

You say you provide me with all the above features for ten bucks a month. You also state clearly that you are not keeping logs of my connections.

I don’t buy that. You will always know from where I am connecting to your service, and I don’t think you are not logging that information. If law enforcement authorities ever question you, I am sure that you will quickly give them that information. You want to avoid any legal threat to your company, and my ten bucks a month will never be able to pay a good lawyer to represent you.

You are not protecting my privacy. There are much more advanced technologies to keep track of my behavior on the Internet apart from exposing my actual IP address. Browser fingerprinting, cookies, and many more.

A VPN is not protecting your privacy at all. It is intended for a different use, even if it is now marketed for another use case. Here is the magic of marketing.

There is just some actual use case for a VPN:

  • Use it for the intended purpose. Create a private and secure connection between two endpoints.
  • Protect your connection when you are in a rogue environment (e.g., WiFi at an airport or a bar)
  • Protect your data when you live in a hostile country.

That’s it.

So, why is everybody trying to sell me a VPN? The answer to this question is simple: it’s easy money.

So, no, you don’t need a VPN.

Ringing the bell

Photo by the blowup on Unsplash

Yesterday I wrote about the value of personal data and how the value of data may change over time depending on law evolution.

A few days ago, Amazon revealed it has provided Ring footage to law enforcement without a warrant or asking for permission from the Ring owner.

The Ring is a smart doorbell. Someone comes close to your doll, and Ring notifies your smartphone about the event. You can remotely look at the visitor and decide what to do. The video streamed to the phone is recorded on the Amazon cloud.

The first reaction is anger. Why is Amazon giving my footage to law enforcement without my explicit permission?

You agreed to that when you accepted the Ring Terms of Service. It’s your fault, not theirs. If you forgot to read the document or you want to have a look at it, you can find it here: Ring Terms of Service

Here is the crucial section: In addition to the rights granted above, you also acknowledge and agree that Ring may access, use, preserve and/or disclose your Content to law enforcement authorities, government officials, and/or third parties, if legally required to do so or if we have a good faith belief that such access, use, preservation or disclosure is reasonably necessary to…

You agreed to share your content without permission.

Apart from agreeing to share your personal data with a vendor in exchange for a specific service, you should also be aware of the usage of that data.

We all subscribe to dozens of online services. Do we read the Terms and Conditions of each one of those services? No, we just click and move on to the next steps. I do the same every single time.

You have your new gadget ready to use, and you don’t want to spend literally hours going through a legal document. You want to start playing with your new toys.

Terms and Conditions and End User License Agreement are written in a way that is not understandable by most people. Not everybody is a lawyer.

Nevertheless, these documents are critical to understanding which degree of freedom on your data you are giving to the service provider.

They must be read and understood.

I remember working for a client that was building a service requiring users to accept the sharing of some of their personal data from a mobile phone. We received the End User License Agreement from the legal team, which was the usual twenty pages document. We went to the Product Owner and told him: “Look, you need user consent to make your service work. We must be clear with him about what we will use and why.”

We designed a page with the legal terms on the left and an understandable translation on the right. The “Accept” button was on the left side of the page.

This approach indeed implies total transparency from the service provider. Not every service provider may be willing to do so, especially if they plan some gray use of the data they collect from you.

There should be an Artificial Intelligence powered online service where you paste a legal document and get back a human-understandable version of the paper.

The only option is to read the original document thoroughly, which we should always do.

Shadows on personal data

Photo by Taylor Vick on Unsplash

I have written quite a bit about the relevance of our personal data and how we should try to protect that information from abuse.

We should be aware of what information we are sharing and with whom. It may not be enough because the relevance of the data we share may change over time depending on where we live and on evolution or, better, the involution of the legislative ecosystem.

A few weeks ago, the United States Supreme Court voted to strike down the landmark Roe v. Wade_decision. It is not my intention to comment on this decision. That is not the point I want to address in this post.

After the decision, many women have started to question how the personal data of their period tracking application is treated and if it may be used to enforce the abortion ban.

If you are tracking your period, it will be pretty easy to track down a potential abortion procedure. Law enforcement agencies may use the period tracking application data as evidence.

First thing first. Period data is definitely personal data and very sensitive data. Rather, every user should be aware of how these companies deal with this data and ensure there will be no abuse. Before the Supreme Court, that would be the only concern, even if it is still a big concern.

After the Supreme Court decision, that data has become more relevant. As I said, it may be used to track down what will be considered an illegal activity in some states.

Data that may be considered not harmful has definitely become harmful after a change in the legislative panorama.

Everything we share online has a clear meaning, tracking period in our example, but we must remember that most data has a shadow meaning, the proof of an abortion.

This is extremely important and often completely misunderstood when we share our personal data online. People already have problems understanding what they share and how that data will be used. Shadow information is much more subtle to understand.

There is not enough digital culture to address this problem.

The value of personal data is not immutable over time.

Passaggio all’Inglese

Photo by simon frederick on Unsplash

E’ qualche tempo che sto meditando di cominciare a scrivere in Inglese i contenuti di questo blog. Come ho scritto in passato i contenuti di Corrente Debole vengono più o meno automaticamente ripubblicati su Twitter, LinkedIn e Medium.

Su queste tre piattaforme il numero di persone straniere che mi seguono è preponderante rispetto a quelle Italiane. Piuttosto spesso ricevo messaggi, in particolar modo da diretti collegamenti su LinkedIn, che mi chiedono di pubblicare in lingua Inglese.

Mi sono sempre trattenuto dal farlo perché, in fondo, la lingua Italiana è la mia lingua. Nel tempo ho imparato ad apprezzarla ed ad amarla.

Ora credo che sia arrivato il momento di passare il confine e provare a scrivere in Inglese.

Si potrebbe obiettare che potrei scrivere due versioni di ogni scritto, una in lingua Italiana ed una in lingua Inglese. Questa potrebbe essere una soluzione ma dato che non dedico mai più di dieci minuto al giorno a Corrente Debole questa non è una soluzione percorribile. “Troppo sbatti” come direbbe il mio quindicenne preferito.

Per questa ragione credo che darò una chance alla lingua inglese. Tutto sommato potrebbe anche tornarmi utile ad allargare il mio vocabolario che è prettamente un vocabolario “business oriented”.

Probabilmente da domani.

Spero di non perdere nessuno dei miei undici lettori Italiani.

Quei posto che riguardano la cultura e la società Italiana avranno un warning all’inizio del post che avvertirà gli stranieri del fatto che il contenuto potrebbe essere a loro poco comprensibile.

Tre

WebCube

Durante una cena di lavoro mi è capitato di ripensare ad alcune cose che il mio gruppo di lavoro ed io facemmo quando lavoravo in tre.

Mi è capitato di ripensarci oggi quando ho letto che Nokia ha annunciato un telefono che ospita al suo interno delle cuffie wireless. Quella cosa lì noi la avevamo pensata più di dieci anni fa con un telefono brandizzato MomoDesign e prodotto da BenQ.

Nel 2006 avevamo lanciato la prima applicazione musicale che permetteva l’acquisto di brani musicali direttamente dal player. Vinse l’award come Best for Mobile Music all’MWC di Barcellona. Era il 2006 e iTunes su mobile arrivò anni dopo.

Lavorammo sul WebCube, un nuovo concept di UMTS/WiFi router incentrato sulla usabilità e facilità d’uso. Ne nacque una linea di prodotti che ancora oggi si distingue nel mercato delle cosiddette “saponette”.

Non nel mio team, ma sempre da H3G nacque Pupillo, la prima telecamera connessa che era possibile consultare dal proprio telefono mobile.

Accidenti, ne facemmo di cose fighe. Fu uno dei periodi più eccitanti professionalmente parlando della mia carriera, oltre a quello che sto vivendo ora.

Tutte le persone che sono transitate in quel gruppo, allora giovanissime, hanno avuto delle carriere strabilianti e questa è una delle cose che maggiormente mi dà soddisfazione. Evidentemente il tritacarne di una Telco aiuta. Mi piace pensare che, almeno un pochino, li abbia aiutati anche io.

Ci sono stati tanti progetti che non hanno mai visto la luce e per alcuni di essi ancora ho dei rimpianti. Forse quello che davvero avrei voluto vedere fu quello di un telefono prodotto da una startup di Boston che era completamente basato su Java e con un sistema operativo completamente personalizzabile. E questo anni prima che Android divenisse una realtà.

La combinazione tra il nostro team di design di prodotto a Milano ed il team tecnico a Roma fu incredibilmente efficace e produttiva. Sinceramente non ho mai incontrato altrove un team tecnico così tanto preparato come quello romano. Gente tostissima e preparatissima. Mi mancano anche loro.

Peccato vedere come quella cosa che, pur con tutti i suoi difetti, voleva cambiare il panorama della comunicazione mobile si sia ridotta ad una competizione basata solo sul prezzo.

Contrasti

Photo by Philippe Leone on Unsplash

Sono arrivato a Roma nel tardo pomeriggio e mi sono subito incamminato verso il mio albergo in centro. Al di là dello sciopero dei taxi volevo camminare per le strade di Roma con il naso all’insù. Troppo tempo è trascorso dalla mia ultima visita alla città ed io questa città la amo davvero.

Sceso in albergo ho terminato un paio di cose urgenti che mi hanno permesso di chiudere la giornata lavorativa per potermi dedicare ad un’altra passeggiata per le vie della città. Non le principali, quello le ho viste e riviste in tanti anni. Le vie nascoste, piccole. Quelle vie con i piccoli negozi, i negozianti sulla porta a fumare una sigaretta, le persone che si fermano per salutarsi e chiacchierare. Io potrei camminare per giorni sulle stradine di Roma. E’ un universo mutevole e diverso dalle strade dei turisti. Forse è anche un’altra città che viene rappresentata in quel contesto.

Mi rimetto in moto per raggiungere il mio albergo. Ho una cena di lavoro questa sera e, purtroppo, non posso affrontarla in bermuda e t-shirt. Dico sempre che i clienti comprano il mio cervello e non il mio guardaroba ma un minimo di presentabilità cercherò di mantenerla.

Passo di fianco ad un famoso albergo del centro. Uno di quelli molto fighetti con tanto di portiere in divisa. Di fianco all’ingresso c’è un angolo per i reietti fumatori. Anche se paghi una camera in un albergo a cinque stelle devi fumare fuori. C’è questa donna sulla quarantina con la sigaretta accesa tra le dita. Nell’altra mano c’è un iPhone. Sta scorrendo qualcosa sullo schermo, come la quasi totalità delle persone che ho incontrato. Molto elegante, ma di quell’eleganza un pochino affettata. Non naturale. Acquistata. Tra il gomito e l’avambraccio dondola una borsetta di Bottega Veneta che, se originale, vale una mezza fortuna. Non degna di uno sguardo nessuno.

Ad un metro e mezzo di distanza, sdraiato su un muretto ricoperto di cartoni a fungere da materasso c’è un uomo. Hai i capelli grigi ed i piedi scalzi. Non vedo scarpe intorno ma, con ogni probabilità, le ha nascoste perché non le rubino. Eppure i piedi sono sporchi e mi viene il dubbio che le scarpe non le abbia. Sta dormendo profondamente ed il rumore del traffico delle sei non sembra disturbarlo. Su quello che è un rotolo di cartone che usa come cuscino c’è un libro. Non resisto e cerco di guardare la copertina. E’ un libro vecchio. Le pagine sono consumate dalla lettura. Vedo il titolo: Il giocatore di Fëdor Dostoevskij. Ne rimango colpito. Perché quel libro? E’ un caso o il lettore è stato duramente colpito dagli eventi della propria esistenza.

Mi colpisce molto di più il senzatetto di quanto non faccia la ricca turista tutta griffata. Mi immagino che al senzatetto appartenga una storia più complessa di quella della turista. Penso che forse sto cadendo vittima di uno stereotipo narrativo.

Il contrasto tra queste due immagini mi colpisce. Quali strade hanno condotto questi due estranei ad un metro l’uno dall’altra con dei destini così diversi.

E così trascorre la mia serata in un turbinio infinito di contrasti. Bellezza e bruttezza, amore ed odio, fortuna e sfortuna. Tutto sulla stessa strada, tutto nella stessa città, tutto nello stesso momento.

In treno

Photo by Charles Forerunner on Unsplash

Per la prima volta dopo due anni sono risalito un treno alla volta di Roma. Confesso che la sensazione è molto strana. Tutti gli automatismi frutto di anni di viaggi in treno ed in aereo sono completamente saltati.

Nel corso degli anni avevo accumulato una serie di tecniche che mi facilitavano viaggi e spostamenti. Mi sono accorto che è tutto scomparso e quelle poche cose che sono rimaste sono decisamente cambiate. La presenza della pandemia ha introdotto tutta una serie di nuovi comportamenti che devo ancora costruire.

Il mio principale obiettivo di oggi è stato quello di evitare il maggio numero di persone possibile. Ho cominciato con il selezionare un posto sul treno dove non avessi nessuno dietro o di fianco a me. Non appena arrivato in stazione mi sono messo la mia mascherina FP2 e mi sono avviato lungo un binario sino al punto in cui nessuno aveva mai osato avventurarsi. Sono salito sul treno dopo che tutti si erano seduti e ho preso possesso del mio posto in tutta tranquillità. Gel igienizzante e via.

Comportamento forse un pochino paranoico. Tra me e me mi dico che se sono riuscito ad evitare il contagio negli ultimi due anni non vedo proprio perché dovrei evitare le precauzione e prendermelo ora.

Fortunatamente sembra che nella carrozza in cui sono tutti stiano indossando la mascherina.

Mi sento tranquillo? Non proprio. Non so per quale motivo ma c’è una preoccupazione latente che mi segue quando mi muovo in pubblico. Stando sul lago è una preoccupazione che non sento affatto ma constato che si affaccia non appena sono costretto a stare in mezzo alla gente.

Questo è un evidente effetto di questi due anni di pandemia e relative restrizione. Non mi sono mai preoccupato particolarmente dello stare in mezzo alla gente sconosciuta o a muovermi. Ora mi accorgo che qualche preoccupazione ce l’ho.

Noto comunque che la recente pandemia non ha sortito alcun effetto nei riguardi del WiFi gratuitamente offerto da Trenitalia. Non funzionava prima e non funziona ora. Nulla di nuovo sotto il sole.

Il giorno in cui fui umiliato

Photo by TS Sergey on Unsplash

Rare sono state le occasioni in cui mi sono sentito umiliato professionalmente. In realtà credo che nella mia intera carriera ci sia stato un solo momento in cui ho provato questo sentimento al termine di una riunione.

Ve la racconto, omettendo i dettagli che aggiungono poco alla storia.

Ai tempi lavoravo per un operatore di telefonia mobile e credo che per chi mi conosce personalmente non sia nemmeno difficile capire chi questo operatore fosse. E’ stato il posto di lavoro più eccitante in cui abbia avuto l’occasione di lavorare. Del tutto simile a Sketchin, sebbene per motivi estremamente diversi.

Non mi ricordo esattamente il Job Title del tempo ma lavoravo nel team di Marketing Handset e, nonostante il termine marketing, mi smazzavo una discreta quantità di tecnologia e di specifiche tecniche. Oltre a questo, dato il mio passato e la mia curiosità, il mio bagaglio tecnico non era affatto trascurabile (modalità bragging on).

Si parlava di posta elettronica e si discuteva di e-mail push versus e-mail pull. Alla riunione partecipava anche un neo assunto CTO di cui eviterò di fare il nome.

Non entro nel dettaglio tecnico della discussione perché non ne vale la pena ma, sostanzialmente, si stava parlando delle specifiche tecniche di POP 3 (RFC 1939 per chi fosse curioso) ed IMAP (RFC 3501). Documenti che mi ero ri-studiato nel dettaglio mesi prima e che per capire meglio avevo anche implementato in un rudimentale client di posta elettronica scritto, udite udite, in C.

In poche parole il CTO in questione sosteneva che POP 3 avrebbe potuto supportare folders mentre io sostenevo che al di là dei canonici folder inbox, sent, eccetera eccetera, quella non era una opzione contemplata dallo standard.

Non c’era nemmeno da discutere, RFC alla mano.

Mi fu chiesto di stare zitto e, sostanzialmente, smettere di rompere i cosiddetti. Usò una espressione un pochino più colorita di questa in realtà. La prima tentazione fu di mandarlo a quel paese ma il mio capo, che sedeva di fianco a me, mi mise una mano sul braccio ed evitò la ricerca di un nuovo posto di lavoro.

Mi fu detto che dal momento che lui era il “padre” di uno dei portali italiani di maggiore successo non potevo questionare sul tema. Portale che tra l’altro faceva “cagarone”, almeno ai tempi.

Fu una cosa che comunque mi ferì molto profondamente. Rimase nella mia testa per molte settimane fino al momento della illuminazione: ma anche, sticazzi.

Il CTO, comunque, non arrivò al panettone. A me, personalmente, il motivo fu perfettamente chiaro.

P.S. L’asino nella foto non sono, ovviamente, io…

Battaglia persa

Photo by Jeremy Bezanger on Unsplash

Ho cercato in ogni modo possibile di stare alla larga dai vari Social Media negli ultimi anni. Per più di un anno non ho acceduto a Facebook, Instagram, Twitter e via dicendo.

In qualche modo ho cercato di proteggere la mia privacy.

La realtà delle cose è che una battaglia persa in partenza. Lo stato delle cose ed il contesto sociale non lo rendo possibile a meno che tu non intenda vivere come uno stilita.

Un paio di esempi pratici per spiegarvi quello che sto dicendo.

Ho cominciato ad esplorare lo sviluppo su Oculus Quest. Oculus Quest è prodotto da Facebook, alias Meta. Se vuoi sviluppare su Oculus devi installare sul tuo smartphone l’applicazione Oculus che è l’unico modo per impostare il sistema come sistema di sviluppo. Per creare un account su Oculus è obbligatorio usare il proprio account Facebook. Devi quindi essere loggato su Facebook per accedervi e potere scaricare tutte le SDK che servono. Ricomincia quindi il festival di retargeting che questo comporta.

Ho cominciato ad interessarmi al mondo della orologeria meccanica. Al di là di qualche forum dedicato che è estremamente interessante ci sono un universo di gruppi su Facebook che trattano argomenti interessanti. Se li voglio leggere, ed imparare, devo essere loggato a Facebook. Lo stesso discorso vale per Instagram.

Con i miei figli ci scriviamo messaggi su WhatsApp sebbene non mi piaccia affatto. Io uso Telegram e Signal ma siamo una ridotta minoranza. Gli amici dei miei figli stanno su WhatsApp e quindi anche loro usano quello che la loro cerchia sociale usa.

Insisto. E’ una battaglia persa. La cultura digitale è troppo poco diffusa e promossa perché lo scenario possa cambiare nel prossimo futuro.

Proprio l’altro giorno Facebook ha annunciato che renderà possibile separare gli account di Meta ed Oculus. Se non altro Facebook riuscirò di nuovo a togliermelo di torno.

1071

Photo by Nick Fewings on Unsplash

1071 sono i chilometri che ho percorso ieri durante la transumanza che ha spostato la figliolanza da Laglio a Porto Santo Stefano per permettergli di raggiungere l’isola di Giannutri per parte delle loro vacanze.

Undici ore e venti minuti in auto tra andata e ritorno. Erano secoli che non facevo un viaggio così lungo.

In quel lasso di tempo ho avuto l’opportunità di osservare a lungo il comportamento dei miei compagni automobilisti.

In generale c’è molta più rabbia per la strada di quanto io non ricordassi. Non le ho contate ma ho visto decine di automobilisti gesticolare rabbiosamente per il comportamento altrui. Clacson che strombazzavamo al minimo segno di comportamento marcato come scorretto. A me questa cosa da impressione. Io sono sempre molto tranquillo alla guida. Non credo nemmeno di sapere che suono abbia il clacson della mia macchina attuale che possiedo da ormai sette anni. Io mi limito ad osservare e, al massimo, a scuotere la testa.

Ho notato che vale sempre la regola per cui se la strada che stai percorrendo è dotato di un numero di corsie pari a n, quelle effettivamente utilizzate dagli automobilisti sono n-1. Non c’è niente da fare, la corsia più a destra non perde il suo stato di “corsia per i paria” o, altrimenti detto, “corsia dell’infamia”. Io mi metto spesso lì. C’è maggiore visibilità e se mastichi un pochino di matematica e ti fai due conti la differenza finale in termini di tempo non è molta.

Ho assistito ad almeno cinque manovre che sono state ad un passo dal creare un incidente ad alta velocità in autostrada. Cambi di corsia non segnalati, sorpassi a destra non supportati dalla casistica approvata dal Codice della Strada, frenate brusche quando il malcapitato davanti a loro non si levava di mezzo per tempo.

La solita presenza di coloro per i quali la distanza di sicurezza è un concetto del tutto sconosciuto. Ti si piazzano a due metri dal paraurti posteriori. Alcuni si limitano a piazzarsi lì ed aspettare che tu gli dia strada, altri cominciano ad usare gli abbaglianti come in una notte in discoteca ed altri aggiungono agli abbaglianti il frenetico uso del clacson. Nonostante davanti a te ci siano almeno altri cinquanta veicoli che procedono al massimo della velocità possibile date le condizioni del traffico, tu ti sposti e li lasci passare. Il comportamento si ripete con il veicolo successivo.

Credo di avere contato almeno due vetture con uomo alla guida, donna sul lato passeggero e figlioletto in braccio alla donna. Mi astengo da qualsiasi commento su questi episodi perché è facile comprendere come questo comportamento rasenti la follia pura.

Innumerevoli i casi in cui i conducenti si intrattenevano allegramente con i loro telefoni mentre procedevano ad una velocità superiore ai cento chilometri orari. Io mi domando sempre che cosa di così importante ci sia bisogno di comunicare da dovere rischiare la pelle, tua e degli altri.

Oramai vivo nella convinzione che il Codice della Strada non rappresenti più un insieme di norme da rispettare scrupolosamente ma, piuttosto, un insieme di raccomandazioni.

Diciamo che più che un viaggio è stato un safari antropologico.

Feedly no more

Photo by Markus Winkler on Unsplash

Quando Google ha deciso di discontinuare il prodotto Google Reader mi sono trovato nella necessità di trovare una alternativa.

Il mio aggregatore RSS rappresenta una delle mie principali fonti della mia dieta informativa. Il mio file OPML è estremamente curato e periodicamente entrano ed escono delle fonti in funzione della qualità delle notizie che contengono.

Nel tempo Feedly è molto evoluto, ben al di là delle mie necessità. Non ho mai fatto grande uso della Intelligenza Artificiale di Leo, ho usato pochissimo le possibilità di condivisione e, in generale, nonostante la semplicità dell’interfaccia continua a pormi delle domande per migliore la qualità della sua AI.

In sostanza sto pagando un abbonamento premium per aiutare Feedly a generare ancora più revenues. Direi che è il tempo di smettere. Diciamo anche che 144 dollari sono una bella cifra da spendere ogni anno quando non fai uso di tutte le caratteristiche.

Oggi ho quindi cancellato la mia sottoscrizione a Feedly e ho deciso di non usare nessuna sottoscrizione online. Ritorno al passato con una bella applicazione nativa: Reeder

Oltre ad essere incredibilmente ben fatta va sottolineato il fatto che è sviluppata da un Italiano. Questa cosa mi piace, parecchio.

Per la versione corrente ho dovuto spendere 9,99 Euro sull’Apple Store. Praticamente un mese di sottoscrizione a Feedly.

Uno dei vantaggi di Feedly era il fatto che lo stato delle mie letture rimaneva invariato spostandomi tra i vari pc. Questa funzionalità non la ho affatto persa dato che posso usare iCloud per sincronizzare i contenuti di Reeder.

Sto notando che lentamente sto cancellando praticamente tutte le mie sottoscrizioni online. Ci sono strumenti del tutto privi di costo e di qualità assolutamente pregevole che vale la pena di utilizzare. Obsidian al posto di Evernote, tanto per citarne un altro.

Un altro vantaggio è che essendo gli articoli memorizzati sul mio computer per 30 giorni non ho necessità di una connessione di rete per poterli leggere. Questo mi torna utile sopratutto quando sono in movimento e generalmente con una pessima connessione Internet.

Forse l’unico aspetto negativo, sebbene sia perfettamente comprensibile, è il fatto che per cominciare la lettura devo attendere che i vari feed vengano sincronizzati. Ovviamente su Feedly questo non era un problema dato che i feed venivano costantemente aggiornati in tempo reale lato backend. Tutto sommato un piccolo prezzo da pagare per risparmiare 144 dollari all’anno.

Per il momento non mi sono affatto pentito della scelta.

L’opera di semplificazione continua.