Percezione

Non entro nel merito della situazione relativa alla diffusione o pericolosità del virus Covid-19, altrimenti conosciuto come Coronavirus. Semplicemente non ne sono all’altezza.

Mi limito ad un insieme di percezioni in questo giorni di caos che si stanno vivendo a Milano e dintorni.

  1. In Sketchin per non sapere né leggere né scrivere abbiamo deciso di lavorare tutti da remoto per i prossimi giorni. Siamo dei privilegiati. Non facciamo i neurochirurghi e non salviamo la vita a nessuno con il nostro lavoro. Oltre a questo la natura dei nostro servizi ci permette di essere efficaci anche se stiamo lavorando da un bar di Caracas. In questo modo tranquilliziamo anche la totalità delle nostre persone che non devono sentirsi obbligate a correre quelli che potrebbero, legittimamente, ritenere dei rischi per la propria salute o quella dei propri cari. Forse una volta per tutte riusciremo a fare capire ai nostri clienti che siamo molto più efficaci quando lavoriamo da remoto.
  2. Non riesco ad orientarmi tra tutti i numeri che mi vengono proposti dai media. Provo a farlo da solo facendo riferimento agli Open Data ma non sono in grado di interpretarli non essendo un esperto. Lascio perdere.
  3. In relazione al punto 2 cerco di usare solo fonti di informazioni istituzionali come il sito della Regione Lombardia e quello del Ministero della Salute. Diciamo che tra i due mi sembra maggiormente informativo quello della Regione Lombardia. Quello del Ministero della Salute non ha mutato forma a fronte della situazione. Personalmente ritengo che sia un errore ma trattasi di mia opinione.
  4. I folli aumenti dei prodotti come Amuchina Gel e mascherine su Amazon, argomento di cui avevo già parlato ieri, sembrano essere scomparsi. Non è dato sapere se per iniziativa dei venditori o per una azione di Amazon. Nessuno dei venditori cui avevo scritto mi ha risposto ad eccezione di uno che ha approfittato della via di uscita che gli ho offerto dicendo che si è trattato di un errore.
  5. Da questa mattina ho ricevuto solo quattro messaggi di posta elettronica rispetto ai 40/50 che una veloce ricerca mi indica per le settimane precedenti. Evidentemente una ripercussione sulle attività c’è e ci sarà.
  6. Leggo la cronaca locale di Buccinasco, paese in cui vivevo, e quella di Solaro, paese in cui sono nato e cresciuto, e vengo informato del fatto che sedicenti emissari della ASL chiedono agli anziani di farli entrare in casa per eseguire dei tamponi. Sciacalli.
  7. Leggo i titoli dei quotidiani online e faccio raffronti tra i titoli. Mai come ora mi rendo conto che un solo avverbio può fare una grande differenza sul messaggio che vienne trasmesso.
  8. A tutti viene suggerito di evitare i luoghi ad alta socialità ed un politico organizza una cena per 1500 persone. Allo stesso tempo Austria, Mauritius e Romania faranno stare in quarantena le persone in arrivo dall’Italia. Anche in questo caso forse capiremo cosa significa. Sono comunque perplesso.
  9. A Milano supermercati presi d’assalto e scansie vuote. Direi fenomeno locale dato che ieri ho fatto la spesa a Como e la densità era la solita del fine settimana. Nessuna mascherina.

Scrivo queste righe dal mio giardino a Laglio e sento il rumore delle onde del lago. Non riesco a farmi una opinione precisa sul tema e questo mi infastidisce.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments