Senza parole

white and black labeled pack
Photo by Jon Tyson on Unsplash

Ieri mi è capitato di vedere questa cosa sul New York Times e mi ha lasciato senza parole. Non credo che si sia molto distanti da questo scenario ma un conto è leggere dei numeri su un sito web, un altro è sentire raccontare la storia delle persone.

Veramente toccante e piuttosto destabilizzante.

Who I lost.


Shameless self promotion ahead…

Nel caso non ve ne foste accorti qui in giro c’è anche un podcast con il quale potrete intrattenervi.

Quello di seguito è l’ultimo episodio.

Qui, invece tutti gli episodi pubblicati sino ad ora: Parole Sparse – Il Podcast


0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments