Ed anche questo 2021…

2021
Photo by engin akyurt on Unsplash

Ci sarebbe davvero da citare il grandissimo Riccardo Garrone in “Vacanze di Natale”.

Sì perché, in un modo o nell’altro, sono arrivato alla conclusione di questo anno ed è il momento di tirare le somme su quello che è successo.

No, non si tratta di fare un bilancio od un elenco di buoni propositi per l’anno venturo. Mi fermo solo un attimo a fare qualche riflessione su quello che è accaduto, sia professionalmente che personalmente.

TLDR;

Nonostante tutte le difficoltà il 2021 merita una promozione. Qualcosa poteva andare meglio ma c’è di che essere soddisfatti.

Vediamo qualche dettaglio.

Anno governato da questa benedetta pandemia che sembra destinata a non abbandonarci mai. Varianti a profusione, limitazioni, vaccini e tutte le conseguenze del caso. Questo, sostanzialmente, ha fatto sì che la maggior parte del mio tempo fosse spesa sulle rive del lago di Como, dove abito. Anche in questo caso poteva andare peggio.

Se è vero che mi sono autoimposto più isolamento di quanto le regole imponessero, è altrettanto vero che sino a questo momento il virus non è riuscito a penetrare nel mio organismo. Tra qualche giorno mi farò la terza dose di vaccino e vedremo se riuscirò a mantenere questo primato anche per l’anno nuovo.

Anno di quasi totale isolamento, quindi.

Come tutti ho passato ore interminabili davanti ad una webcam con il consueto sottofondo di “Mi sentite?”, “Mi vedete?”, “Vedete il mio schermo?”. Ecco, questa è decisamente una cosa che eviterei con l’anno che verrà. Purtroppo non credo ci saranno cambiamenti oggettivi su questo tema. Diciamo che in generale sono diventato meno sensibile alla necessità di essere presente ad ogni call cui mi invitano e tendo a disertarne molte. Non si tratta di snobismo ma, se non ho niente di valore da dire, è inutile che io ci sia.

Dato che siamo sul filone lavorativo continuiamo.

Per Sketchin il 2021 è stato un anno incredibilmente positivo in termini di clienti e progetti acquisiti. Quest’anno abbiamo davvero portato a termine delle cose fighissime di cui mi auguro potremo parlare nel prossimo futuro. Nove anni fa avevo solo immaginato dove saremmo potuti arrivare ma oggi ne vedo il perfetto compimento.

I progetti che abbiamo condotto ci hanno permesso di chiudere l’anno con degli ottimi risultati e con una crescita enorme. Chi mi conosce sa benissimo che ritengo che i numeri siano un prodotto collaterale del nostro lavoro e questo è ancora il caso.

Il lato negativo è che le persone e la struttura sono state sottoposte ad uno stress che difficilmente sarà sostenibile nel 2022 e su questo credo dirigerò gran parte delle mie attenzioni. E’ necessario che tutte le componenti della macchina vengano aggiornate in termini di capacità per gestire la nuova cilindrata del motore. Non banale ma necessario.

Ci sono delle novità che arriveranno nel corso del prossimo anno ma tutte sono rivolte al fine tuning del sistema Sketchin in maniera che sia ancora più rispettoso del lavoro delle persone e pronto ad affrontare un mercato che è sempre in movimento.

Dal punto di vista personale archivio il 2021 con grande soddisfazione.

Il fatto di non dovermi muovere da e per l’ufficio tutti i giorni mi ha permesso di ricavare degli spazi che ho interamente dedicato ad interessi personali.

Ho letto moltissimo e sui più disparati argomenti. Trend che mi auguro continui nel 2022.

Ho abbandonato, in parte, la panificazione per dedicarmi al mondo della pasta fatta in casa. Oramai posso dirmi un esperto di tagliatelle, tagliolini, ravioli e via discorrendo.

E’ arrivato Buzz, un Labrador Retriever, che oramai pesa più di trentacinque chili e, nonostante lo sia, non sembra proprio un cucciolo. Avere un cane è una cosa estremamente impegnativa ma che è in grado di regalarti una quantità di emozioni davvero enorme. Allo stesso tempo è in grado di generare disastri come pochi altri cataclismi ma fa parte del gioco e non me la meno più di tanto. Ogni cosa che finisce tra le sue mascelle può essere riparata o sostituita.

Ho approfondito parecchio la mia conoscenza di Python e mi ci sono divertito un sacco.

Ho giocato su HackTheBox e TryHackMe ed anche in questo caso mi sono divertito molto imparando anche qualcosa.

Ho comperato una stampante 3D e sono entrato nel suo magico mondo. Talebani anche qui, in quantità, ma mi ci sto divertendo molto.

Fisicamente non è stato un grande anno, sopratutto nella parte finale. In questo momento sono sordo come una campana ma ci sono anche dei lati positivi. Mi evito di sentire delle fesserie. Ad ogni modo con qualche cure che sto seguendo e l’arrivo del disgelo primaverile tutto dovrebbe risolversi nel migliore dei modi.

Vero è che dovrei rimettermi a fare attività fisica con maggiore costanza.

Ci sono altre novità dal punto di vista personale ma non le scrivo e me le tengo per me 😉

No, non faccio l’elenco dei buoni propositi. Mi è sempre sembrata una cosa del tutto priva di valore e, comunque, sempre fallimentare.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notify of
guest

1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Claudio

Buon anno Alessandro, pieno di consapevolezza, che è quanto ci permette di vivere appieno il presente con uno sguardo al futuro.
Un abbraccio

Last edited 8 months ago by Claudio