Ho un video compromettente…

Nelle ultime settimane, probabilmente complice questo periodo di lavoro da casa, mi ritrovo a riceve degli strani messaggi. In fin dei conti tanto strani non sono dato che sono vecchi come il cucco ed il meccanismo è molto chiaro da tempo.

Su Instagram, LinkedIn, Twitter e, naturalmente, la posta elettronica si ricevono dei messaggi il cui tenore è sostanzialmente questo:

Ciao,

sono a conoscenza della tua password, nnnnn. Tu non mi conosci e ti stai probabilmente domandando perché hai ricevuto questo messaggio.

Ho installato un malware su dei siti per adulti che tu hai visitato per divertirti ed ho preso controllo del tuo browser. Ho avuto accesso alla tua webcam e ho registrato dei video compromettenti con te come protagonista.

Ho collezionato tutta la lista dei tuoi contatti su Facebook, posta elettronica e telefono.

Se non mi mandi 1500 dollari entro tre giorni con una procedura che ti indicherò in seguito invierò questi video a tutta la tua lista di contatti.

1500 dollari mi sembrano un prezzo equo per non rovinare la tua reputazione.

Considerato il fatto che la webcam del mio computer è sempre oscurata da una “peretta” tranne quando sono in videoconferenza direi che è piuttosto improbabile che esistano video compromettenti che mi ritraggono.

Questo senza considerare che considero il mio ambiente di lavoro sul computer piuttosto sicuro avendo messo in atto tutte le misure necessarie per prevenire gli accessi non desiderati ai miei documenti, webcam e microfono.

Una variante di questo messaggio è quella che ti raggiunge via Facebook, Instagram o Twitter.

La trama non è molto differenze. Ragazza giovane con un profilo creato da pochi giorni dietro il quale probabilmente si nasconde un uomo irsuto di sessant’anni.

Generalmente lascio perdere e blocco il contatto ma quando ho un pochino di tempo mi diverto un pochino.

lei: “Ciao come stai?”

io: sto molto bene, grazie. Tu come stai?

lei: bene ma mi sento un po’ sola

Un classico. Mi sento sola e desidero avere compagnia di un certo tipo. Approccio troppo diretto.

io: sono cose che accadono. Sono certo che hai una quantità di amici cui poterti rivolgere per avere un po’ di compagnia.

lei: in realtà non ho molti amici e mi piacciono gli uomini anziani!

No, non ci siamo. Se hai intenzione di fare leva sul mio ego e sul fatto che ho gli ormoni in disordine perché, secondo te, nessun essere femminile si interessa a me lo stai facendo male.

Mi dovresti lusingare, non offendere. L’ultima cosa che voglio sentirmi dire è che sono anziano. Lo so da me che non sono un giovincello di primo pelo.

io: Non esprimo giudizi, ma è vero che per alcune persone gli uomini maturi hanno del fascino.

lei: Cosa stai facendo?

io: sto parlando con te!

Tendo sempre ad essere irritante in queste conversazioni per vedere quanto questi personaggi sono disposti a tollerare prima di mandarmi a stendere.

lei: ti piace il sesso?

io: ovviamente sì. Esiste solo una piccolissima percentuale di persone che non è interessata al sesso in questo mondo.

A questo punto lo script varia a seconda delle persone. Ci sono quelli che ti chiedono di spostarti su una chat come Whatsapp, Kik o similari ed altri che ti spostano verso la posta elettronica.

L’obiettivo è di avere un contatto diretto attraverso il quale condurti ad una discussione a sfondo sessuale per poi indurti ad inviare delle immagini compromettenti di te.

A questo punto in genere cerco di sapere di più della persona con cui sto parlando. Carico una qualsiasi immagine presa da internet, la metto sul mio server e mando il link alla immagine. Aspetto che la persona la visualizzi e a questo punto riesco a sapere dove la persona si trova. Non entro nel tecnicismo perché è irrilevante ma bisogna dire che queste persone non sono poi così tanto evolute tecnologicamente e non fanno quasi nulla per nascondere il luogo da cui stanno svolgendo queste attività.

Nigeria, Filippine, Cina, Francia, Polonia sono tra i paesi più comuni.

A questo punto ho speso i miei dieci minuti di divertimento e dico alla persona in quale città si trova, spesso con un certo livello di dettaglio. In caso di grandi città si arriva al quartiere.

Magicamente la conversazione si interrompe.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments