Il fine settimana

In questo mese il fine settimana credo sia uno dei momenti più complessi.

Se durante la settimana sono occupato con il lavoro saltando da una call all’altra, cercando di mettere insieme tutto quello che serve per superare questo e dedicandomi alle attività più di routine, il fine settimana è invece molto più vuoto, sopratutto se non ho i miei figli intorno.

Cerco di sfruttare questo momento per dedicarmi alle cose che maggiormente mi interessano ma, come ho scritto anche ieri, fatico a concentrarmi e, forse, non è poi nemmeno così necessario.

E quindi c’è la musica, un pochino di codice tanto per non perdere la mano, la lettura, i giochi di magia con le carte. Ho riscoperto la Playstation ma non riesco a spenderci tanto tempo. Non mi diverte più come un tempo.

Faccio delle conversazioni con degli amici, mando qualche messaggio, leggo le notizie.

Il tempo scivola via sempre uguale. Un giorno dopo l’altro.

Non che mi pesi particolarmente, sia chiaro. Tutto sommato sono sempre abituato a stare da solo e questo momento psicologicamente non mi pesa.

Certo è che è strano, parecchio. Una sorta di “Giorno della marmotta”.

E comunque, questa sera, risotto allo zafferano.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments