Un eterno Carnevale

Semel in anno licet insanire, hanno scritto in molti personaggi di rilievo in passato, ma tu stai davvero dando il meglio di te stesso.

Nella migliore tradizione carnevalesca ti sei vestito dei panni di tutte le istituzioni possibili ed immaginabili. Segretario di partito, leader della opposizione, ministro dell’Interno, membro del corpo forestale, della polizia, dell’esercito, della protezione civile con tanto di diffusione, più o meno virale, di quelle immagini sui social network.

Già questo era imbarazzante ed in nessuna di queste vesti hai raccattato una grande figura.

Te la sei presa con dei ragazzetti che hanno avuto l’ardore di farti qualche sberleffo innocente scatenando i tuoi seguaci in una caccia all’uomo sociale senza precedenti.

Hai violato norme che la maggior parte degli Italiani ora non sta violando.

Hai raccontato, purtroppo negli anni, delle fregnacce inenarrabili che nessuno dei tuoi seguaci di cui sopra si è mai sognato di verficare la veridicità. Ma, si sa, un seguace non ha senso critico. Segue il santone ed obbedisce senza proferire parola che non sia contro l’avversario. Interessante il fatto che se facciamo una cronistoria di alcune di queste hai affermato tutto ed il contrario di tutto. Vedi l’ultima uscita sull’apprezzamento del contributo Albanese per il nostro paese dopo averli presi a schiaffoni per anni tacciandoli di ogni ignominia possibile ed immaginabile.

Hai postato delle immagini in cui lasciavi intendere che tu fossi uno di quei medici che stanno cercando di tenere insieme la baracca mentre tu passeggi mano nella mano con la tua fidanzata. Mascherina abbassata, maglioncino di un colore che assomiglia a quello di un camice di un medico, una bacheca che sembra quella di un ospedale. Comunicazione efficace per i tuoi seguaci, imbarazzante per il resto del mondo.

Ieri pomeriggio sei stato ad un passo dall’indossare una tonaca per fare recitare il rosario in televisione, purtroppo supportato da una prefica che si è tristemente prestata al teatrino. Sei entrato nella sfera più personale ed intima delle persone, credenti o meno, e credenti o meno in qualsiasi entità.

Mi domando se ti capita mai di guardarti indietro e domandarti se ne valeva la pena. Nonostante tutto, nonostante tutti.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments