iPhone

Photo by Vojtech Bruzek on Unsplash

Seguendo le imposizioni di Swisscom è arrivato il momento di cambiare il mio telefono ad un modello più recente. Per questa ragione ieri mi è stato consegnato un iPhone 13 Pro in sostituzione del precedente.

In realtà erano settimane che il telefono era pronto perché io lo ritirassi ma non ne sentivo alcuna necessità e ho quindi aspettato la prima condizione logistica favorevole per prenderlo.

Generalmente il passaggio da un telefono all’altro è sempre stata questione di minuti ma ieri è andata in maniera un pochino diversa. Il telefono non voleva saperne di attivarsi e, una volta attivato, non aveva nessuna intenzione di recuperare il backup iCloud del precedente.

Dopo una brevissima ricerca online scopro che i servizi di Apple erano in qualche modo non accessibili e che quindi non sarebbe stato facile procedere a quanto dovevo fare per rendere il nuovo telefono utilizzabile.

Oggi si legge che i servizi Apple in generale sembrano essere sotto un attacco DDOS generato da Anonymous nel tentativo di impedire all’esercito Russo di localizzare alcuni device sul territorio Ucraino. Non ho idea se questo corrisponda a realtà o meno ma la cosa è interessante.

Alle ventuno di ieri sera il mio telefono non era ancora riuscito a recuperare i dati necessari per poterlo definire “pronto all’uso”. Un tempo avrei speso la serata nel tentativo di finire il processo e giocarci un pochino. Al contrario, lo ho collegato ad una presa di corrente per ricaricarlo e mi sono infilato sotto le coperte a leggere un libro.

Devo avere decisamente perso l’interesse per il “giocattolo nuovo”.

Questa mattina il telefono sembrava essere finalmente in grado di sostituire il suo predecessore. Mi faccio il consueto giro delle applicazioni fondamentali, almeno per me, e verifico di non dovere inserire credenziali di accesso nel momento in cui ne avrò bisogno. Alcune applicazioni sono in grado di recuperare le credenziali dal backup di iCloud, altre no. Un giorno o l’altro dovrei cercare di capire dove è la differenza dal punto di vista tecnico. Immagino che dipenda dalla architettura della applicazione e da quali dati questa decida di lasciare su iCloud.

La peggiore scoperta è il fatto che l’applicazione di autenticazione di accesso alla mia banca online deve essere configurata nuovamente per il nuovo telefono. Bene, andiamo avanti. Inserisci il numero del contratto, aspetta che arrivi il codice OTP per verificare che tu abbia davvero quel numero di telefono associato al contratto e che tu tenga tra le mani il telefono che stai cercando di utilizzare. E poi la sorpresa…

Grazie per avere concluso le operazioni preliminari per l’autorizzazione di un nuovo telefono. Tra due o tre giorni riceverà nella sua casella di posta un codice PIN con il quale potrà concludere la procedura.

No, davvero? Per posta? Quella posta dove c’è un essere umano che mette un pezzo di carta indirizzato a me in un cassetto messo fuori dalla mia porta?

Non ci credo. Eppure è così.

Evidentemente anche in Svizzera la digital transformation sta vivendo dei momenti molto infelici per affermarsi. Ora mi metto in attesa del passaggio del postino per recuperare questo codice.

I miei quattrini sono al momento inaccessibili se non attraverso le carte di credito e di debito.

Mi ricordo poi che il telefono vecchio è ancora operativo e correttamente inizializzato per l’uso con l’applicazione di home banking. I miei soldi non sono più prigionieri ma sono vincolati all’uso di un device che viene considerato obsoleto. Per fortuna ho resistito alla tentazione di inizializzarlo.

Tra una call e l’altra giocherello un pochino con il telefono ma, in tutta sincerità, non noto nessuna differenza rispetto al modello precedente. Se vogliamo dirla tutta l’unica differenza è che questo nuovo telefono non mostra i segni del tempo come il precedente.

Per il resto non mi emoziona particolarmente. Forse, a questo giro, avrei anche potuto evitare di fare questo cambiamento. Del tutto non necessario sebbene previsto dal contratto in essere con Swisscom.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments