Iterazioni…

CAPTCHA
Photo by Markus Spiske on Unsplash

In questi giorni è la prima volta che mi trovo a dovere scrivere del codice in maniera piuttosto seria e, sinceramente, mi sto divertendo un sacco.

Fino ad ora ho usato Python per scrivere poco più che qualche script o qualche utility per semplificarmi la vita ma non mi sono mai addentrato più di tanto nella filosofia del linguaggio.

Ora sto scoprendo un mondo decisamente affascinante e la mia conoscenza del linguaggio avanza a passi da giganti. Ho scritto quasi tremila righe di codice e ho osservato uno strano fenomeno.

Man mano che la mia conoscenza si faceva più solida mi rendevo conto di modi diversi in cui avrei potuto strutturare un algoritmo o scrivere parti di codice in maniera diversa e più efficiente. Per questa ragione lo sviluppo di nuove cose è rallentato per lasciare spazio ad un continuo processo di refactoring.

Credo che questo sia perfettamente naturale quando si impara un nuovo linguaggio. Parallelamente prendo appunti sulle cose che trovo rilevanti e che credo potranno servirmi in futuro.

Certo manca il confronto con altre persone più esperte dato che la mia è una ‘one man band’ ma sino ad ora l’esperienza è decisamente interessante.


Shameless self promotion ahead…

Nel caso non ve ne foste accorti qui in giro c’è anche un podcast con il quale potrete intrattenervi.

Quello di seguito è l’ultimo episodio.

Qui, invece tutti gli episodi pubblicati sino ad ora: Parole Sparse – Il Podcast


0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio Cifani

Come sostiene da anni il mio collega Guido van Rossum 🙂 sei passato dallo scrivere codice in Python a scrivere pythonic code. C’è una bella differenza.