Piccole cose lente

Photo by Hossein Farahani on Unsplash

Sto trascorrendo qualche giorno di vacanza in un piccolo paese della Liguria. Qualche giorno di distanza dalla quotidianità e dal lavoro.

Mi alzo la mattina presto e scendo a bere il secondo caffè della giornata in un piccolo bar al centro del paese. Due chiacchiere con le persone che stanno dietro al bancone per iniziare la giornata.

Faccio quattro passi e mi muovo verso il giornalaio dal quale compro i quotidiani che leggo sempre in gran numero quando sono in vacanza. Due chiacchiere anche lì.

Intorno all’ora di pranzo faccio un giro al mercato e guardo la merce sulle bancarelle. Ascolto di discorsi delle altre persone e osservo i frequentatori. Mi fermo in un banco di frutta e verdura. Compro due meloni e delle ciliegie.

Sulla strada verso casa entro in macelleria e compro del prosciutto. Due chiacchiere anche con il macellaio.

Ho pagato tutto con la carta di credito, che mi sembra già un successo.

La lentezza di questi giorni mi affascina e mi rilassa.

Adesso mi vesto e vado al mare a fare un bagno.

La lentezza è una scelta. Si può fare.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments