Strettamente necessario

Photo by Alexis Fauvet on Unsplash

A valle del birthday blues dovuto al mio compleanno sono arrivato alla conclusione che è necessario rivedere in maniera piuttosto pesante il mio approccio al minimalismo.

Mi sono reso conto che ho bisogno di spazio libero intorno a me e tutti gli sforzi che ho fatto sino ad ora non sono stati sufficienti, almeno per quello che ritengo essere il mio obiettivo.

La prima domanda cui è necessario rispondere è che cosa io intenda per minimalismo. Personalmente ritengo che minimalismo sia sostanzialmente un sinonimo di libertà. Pochi vincoli con persone e cose che sono strettamente necessarie e che possono potenzialmente condurti ad uno stato di coscienza più profondo.

Facciamo un esempio. I libri. Decisamente parte del concetto. Mi aiutano ad esplorare altri mondi e a creare consapevolezza verso temi che non padroneggio. E questo per non parlare della pura gioia della lettura. In questo senso trovo che il libro digitale mi aiuti. E’ sempre disponibile e non occupa spazio. Un Kindle può contenere centinaia di volumi in pochi grammi.

Un nuovo maglione? Probabilmente non necessario e decisamente contro il concetto che sto cercando di esplorare. Ci sono ancora cose in casa che non metto da anni e che, con ogni probabilità, mai metterò. Dato che non ho necessità di frequentare passerelle che richiedano moda all’ultimo grido ne posso certamente fare a meno. Oltretutto raggiunta la mia veneranda età posso dire, fare ed indossare quello che mi pare senza curarmi del giudizio degli altri.

Di esempi come questi ce ne sarebbero decine. Ognuno con un suo solido razionale.

Ho quindi deciso che entro le vacanze estive devo tirare fuori tutto quello che c’è in casa da armadi, bauli, credenze, stipi e stipetti e decidere se si tratta di una cosa necessaria o meno. Il principio è che se è stata chiusa in un armadio per mesi non è necessaria e quindi me ne devo disfare. Nessuna pietà. Nessun pensiero del tipo: “Sì ma un giorno potrebbe servirmi.”. Alla fine non ti serve mai, e quando ti serve sicuramente non la trovi.

Voglio disfarmi della maggior numero possibile di cose possibile e fare spazio, fisico e mentale.

Venderò, regalerò o donerò.

Lo stesso vale per i miei diversi abbonamenti digitali. Oramai sono comunque pochi ma farò una grande selezione per ridurli ancora di più.

In questo momento sento il bisogno di arrivare diritto all’essenza delle cose. Senza distrazioni e senza spinte che provengano dall’esterno.

Asseconderò comunque i miei desideri di esplorare cose nuove. Sempre e comunque con l’intenzione di disfarmi di tutto non appena riterrò che la mia curiosità sia stata soddisfatta.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments