Da più di un anno a questa parte ho preso l’abitudine di puntare la mia sveglia alle cinque del mattino. Di conseguenza mi alzo sempre molto presto.

L’idea è quella di ricavarsi una spazio personale e tranquillo in cui dedicarmi alle cose che mi piacciono di più. Può essere la lettura, la consultazione di pagine web che ho salvato ma che non ho avuto il tempo di leggere, la musica, suonare la chitarra in cuffia e via dicendo.

Ogni giorno riesco a ritagliarmi due ore che altrimenti non avrei a disposizione.

Altre volte esco di casa prestissimo per andare in studio. Come oggi.

Mi piace arrivare in studio quando non c’è ancora nessuno e l’unico suono che senti sono le tue dita che scorrono sulla tastiera. Il telefono non suona, non hai alcun appuntamento di cui ti devi occupare o che devi preparare. Nessuno bussa alla tua porta chiedendoti un pò del tuo tempo. Hai il tempo fisico e mentale di fare mente locale sulle cose importanti. Impostare la tua giornata in maniera efficace.

Anche il tragitto verso lo studio sembra cambiare natura. Questi sono giorni di luna piena. Ho la grande fortuna di vivere sul lago di Como e mentre aspetto l’ascensore vedo la luna piena riflessa nel lago. Il fresco della mattina punge le guance. Sali in macchina e costeggi il lago. Non c’è traffico. Tutto sembra così tranquillo e sereno.

In giornate come questa evito di utilizzare l’autostrada. Mi piace passare per i piccoli paesi che separano Laglio da Manno. A quest’ora molti stanno ancora riposando. Tutto è tranquillo.

Continui a vedere la luna sopra le montagne Svizzere ed in alcuni momenti ancora riflessa nel lago. La sua luce illumina il paesaggio e, forse, sei un pochino più sereno.

Potrebbe essere una bella giornata.