Alla mia veneranda età il tempo è la risorsa più preziosa e più scarsa. Per questo motivo detesto le perdite di tempo.

In questi ultimi mesi ho partecipato ad una quantità infinita di meeting online, parte di questi perfettamente inutile. Ad onor del vero quelli inutili sono stati quelli più “istituzionali” dove il tuo contributo tende ad essere nullo e ti limite a fare il buon ascoltatore.

Credo che tutti ci siamo trovati in questa situazione.

E’ arrivato il momento di svelarvi un segreto: come sopravvivere ad una videoconferenza inutile e vivere felici!

Qualche mese fa ho speso del tempo leggendo delle favole di Gianni Rodari in diretta streaming su Facebook. Per farlo ho messo in piedi un mini studio di registrazione e ho cercato quale potesse essere il software che facesse al caso mio. Per questa ragione mi sono imbattuto in OBS, Open Broadcaster Software. E’ una applicazione completamente gratuita e di una potenza straordinaria.

OBS ha funzionato alla perfezione per quello che mi serviva.

Di qualsiasi applicazione che utilizziamo ci sono usi previsti ed usi non direttamente connessi a quello per cui l’applicazione è stata creata. Questo aspetto mi affascina moltissimo.

Una mattina, mentre stavo partecipando alla ennesima videocall, ho visto la luce.

OBS permette di avere diverse fonti audio e video. Per quanto riguarda i video queste fonti possono essere una webcam, un file video, una immagine che viene convertita in video, del testo che viene animato e via dicendo.

Oltre a questo OBS permette di creare delle scene con fonti audio e video diverse e permette di cambiare scena con la semplice pressione di un bottone sullo schermo.

Proprio leggendo il manuale nella sezione riguardante le fonti mi è venuta una idea.

Ecco la mia soluzione:

  • Prima che il vostro meeting online cominci registrate un video di voi stessi davanti alla webcam. Puntate lo sguardo direttamente nella webcam e assumente una espressione interessata. Di tanto in tanto annuite con la testa e non distogliete mai lo sguardo dalla webcam. Diciamo che 90/120 secondi di registrazione sono più che sufficienti. Uno dei vantaggi di OBS è che permette di registrare video direttamente dalla applicazione.
  • Create una scena chiamata “Io che mostro interesse” e usate come fonte video il file che avete appena registrato. Fate in modo che il video sia riprodotto in un loop continuo. E’ facile, è una opzione di OBS.
  • Create una scena chiamata “Live” e usate come fonte video la webcam.
  • A questo punto ci siete quasi. In realtà OBS è costruito per lavorare con servizi di streaming come YouTube, Facebook, Twitch e affini. Per questo avrete bisogno di simulare una Webcam. Sul mio Mac io uso CamTwist. C’è un pochino da smanettare per fare funzionare il tutto ma ci sono una infinità di tutorial online cui potrete fare riferimento.
  • Sono pronto per collegarmi. Su Zoom imposto come fonte la mia webcam virtuale e attivo la scena Live. Entro nel meeting, saluto tutti e mi metto in attesa degli eventi.
  • Quando la presentazione che dovrei sopportare inizia, metto in muto il microfono e attivo la scena “Io che mostro interesse”. A questo punto sono assolutamente libero di farmi gli affari miei mentre sembro perfettamente attento per tutti quelli che sono collegati alla videoconferenza.
  • Nel momento in cui il mio orecchio capta la necessità di un mio intervento cambio la scena di nuovo in “Live” ed il gioco è fatto.

Ovviamente ci sono alcune accortezza. Dovete comunque prestare un poco di attenzione a quello che accade altrimenti vi pederete il momento in cui chiederanno di voi. Altrettanto importante è il fatto che il video usato per la scena “Io che mostro interesse” deve essere registrato pochi minuti prima della videoconferenza. In caso contrario le differenze di luce e prospettiva potrebbero insospettire i partecipanti.

Disclaimer: non mi ritengo responsabile del fatto che possiate perdere la faccia facendo uso di questa procedura.

Photo by Chris Montgomery on Unsplash