Domenica

E poi ci sono quelle domeniche. Quelle domeniche in cui ti alzi con addosso un velo di tristezza che sei certo sarà una fatica rimuovere dal tuo viso. Quelle domeniche in cui non hai voglia di farti la barba e che immagini scorreranno via senza lasciare traccia di sé.

E invece senti il suono di una notifica sul tuo telefono. Degli amici, cari, che ti invitano ad una passeggiata seguita da un aperitivo e tutto cambia direzione, inaspettatamente.

Chiacchiere, risate, confronti, punti di vista.

Vieni invitato a pranzo e ti fai degli scrupoli. Sei solo, disturberai? Si tratta solo di cortesia?

No, non è così. Capita che possano esistere ancora delle amicizie sincere in cui il valore della compagnia significa ancora qualcosa.

Altre chiacchiere, altre risate. Un pranzo, qualcosa da bere, un dolce. Ti senti a casa. Sei sereno come raramente capita quando sei solo.

Nessuna cosa materiale può essere efficaca come il calore che queste giornate lasciano dietro di sé. Nulla che potresti comprare. Il sapore genuino della compagnia che non ha secondi fini. Ancora risate, l’ultimo bicchiere. Queste righe.

E’ stata una bella domenica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *