Sì, è tempo di vacanza.

Io uso ancora il termine vacanza perché usare il termine ferie mi urta i nervi.

Negli ultimi tempi per me vacanza significa distaccarmi da tutto il quotidiano che mi circonda, salvo poche cose vitali.

Essere in vacanza significa cancellare dal mio telefono il mio account di posta di Sketchin. Significa smettere di rispondere a qualsiasi chiamata che non sia personale. Non rispondere a nessun messaggio che non si da qualcuno a cui tengo.

Vacanza significa spendere del tempo con i miei figli, parlare con loro e progettare insieme le cose che vogliamo fare. Ridere a crepapelle per le battute che facciamo. Scompigliarli i capelli mentre siamo seduti in riva al mare. Raccontarci storie e sogni.

Essere in vacanza significa allontanarsi da qualsiasi cosa abbia uno schermo e una tastiera. Vivere con gli occhi, il respiro, il gusto.

Essere in vacanze è guardare le cose con un occhio diverso e meno neutro rispetto al resto dell’anno. Osservare, prendere nota.

Vacanza significa vivere il momento senza pensare a quello che accadrà domani.

Per questo qui la baracca chiude fino al primo giorno di Settembre.

Prendetevi cura di voi.

Photo credits:

Photo by Tim Mossholder on Unsplash