Prigioni

Nel tentativo di regolare la vita dei cittadini in modo che nessuno di loro possa approfittare delle pieghe del sistema a proprio vantaggio, abbiamo infine costruito un sistema talmente complesso da renderne impossibile una visione di insieme.

Se possiedi una società devi rispettare una enorme quantità di norme che garantiscano la sua integrità. Norme fiscali, sul lavoro, sulla sicurezza, sull’ambiente per non parlare di eventuali certificazioni. Se poi hai deciso di costruire qualcosa di tangibile la situazione peggiora. La cosa perversa è che nessuno è più in grado di districarsi in questa selva oscura di norme e tributi e per questo hai necessariamente bisogno di aiuto.

Hai bisogno del commercialista perché ti aiuti con la tua fiscalità, dell’esperto sulla sicurezza sul lavoro. Se ti vuoi certificare hai bisogno dell’esperto di turno. No, le paghe ed i contributi non le fa il commercialista, hai bisogno di un’altra società che se ne occupi.

La cosa perversa è che per pagare una tassa devi pagare qualcuno che ti aiuti a pagarla raddopiando quindi lo sforzo.

Non che nella vita privata vada meglio.

Per la nostra dichiarazione dei redditi abbiamo bisogno di un commercialista o, nella migliore delle ipotesi, di Centro di Assistenza Fiscale. Non siamo in grado di capire come calcolare semplicemente la tassa sui rifiuti. Se ci proviamo ad avvicinare al calcolo di una ipotetica pensione abbiamo bisogno di qualcuno che abbia vinto la medaglia Fields.

Io sono sempre stato convinto del fatto che uno stato debba essere semplice. Deve essere semplice per potere essere in primo luogo credibile. Deve essere semplice perché davvero venga offerta ai cittadini la possibilità di vivere una vita all’interno di un sistema sostenibile.

Oggi, purtroppo, sei colpevole a prescindere. Una sorta di peccato originale. L’insieme di regole che devi sottostare è talmente complesso ed articolato che comunque, più o meno volontariamente, sbaglierai e verrai punito.

E’ come vivere in prigione, ma senza l’ora d’aria.

E dire che gli strumenti per semplificare e rendere tutto più efficente ed efficace esistono da decenni. Anche solo quelli del design senza andare tanto lontano.

Le occasioni perdute sono sempre un peccato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *