Tempo

Photo by noor Younis on Unsplash

Nei giorni scorsi discorrevo con una persona a me molto cara del fatto che dall’inizio di Gennaio mi sembra di vivere in un tritacarne lavorativo che mi fa passare da una cosa all’altra senza soluzione di continuità.

La stessa osservazione è stata fatta durante un nostro board meeting in cui ci dicevamo che la pandemia ci ha lentamente portato a sostenere dei ritmi che prima non eravamo affatto in grado di sostenere.

Credo che questo sia un punto interessante. Al di là di questo grande pippone del nuovo modo di lavorare su cui scriverò un altro posto dedicato in futuro è proprio vero che i nostri ritmi lavorativi sono aumentati, non fosse altro per la maggiore quantità di tempo a disposizione.

Vero è che se dovessi andare in miniera con casco e piccone forse starei anche un pochino peggio che non dovermi fare una call al sei e mezza del pomeriggio.

Durante la conversazione che intrattenevo con la persona di cui scrivevo nel primo paragrafo mi sono ritrovato a dire: “Passerà”. Affermazione che contiene un universo.

Perché è vero che questo momento così denso e carico passerà ma la vera e dura realtà è che è passato anche il tempo che ci ho speso sopra. Mai come ora sono consapevole del fatto che il tempo è la risorsa più preziosa che ho a disposizione e sono perfettamente consapevole che, primo o poi, altro tempo non ci sarà.

Non che ci si possa fare molto ma la consapevolezza di questo fatto è già un traguardo importante da raggiungere.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments